Licenziamenti alla Venchi

Sabato 28 dicembre, in una Firenze caotica invasa da turisti provenienti da ogni angolo del mondo, a poche centinaia di metri dal Duomo, un presidio promosso dalla Cub e dal Collettivo Politico 13 Rosso (con l’adesione del Sindacato Generale di Base) raggruppava decine di lavoratori e solidali contro i licenziamenti alla Venchi, azienda alimentare fondata 144 anni fa, sede a Cuneo ma da anni presente nel capoluogo Toscano con numerosi punti vendita. Una azienda con marchio (produttore di cioccolato) noto in tutto il mondo e un fatturato annuo da 80 milioni di euro.
 Abbiamo chiesto ad uno dei licenziati di spiegarci le ragioni di questa vertenza e testualmente riportiamo la sua testimonianza

Circa un anno fa, io e altri due miei colleghi siamo stati licenziati  per una storia che rasenta l’inverosimile. Tutto inizia in una normale giornata di lavoro. Erano quasi le tre del pomeriggio e prima di finire il mio turno di lavoro, ricordo di essere sceso nello spogliatoio per andare al bagno, quando nel passare vicino  nell’armadietto di un mio collega ho avvertito un evidente odore di marijuana, al che, quasi istintivamente  mi è venne da esclamare: “qualcuno ha portato il ramerino?”, scambiando una serie di battute con uno dei ragazzi poi licenziati presente in quel momento nello spogliatoio.  
Una volta finiti i miei bisogni fisiologici tornai in laboratorio  per terminare le ultime cose che avevo da fare. Concluso il turno di lavoro, ritornai nello spogliatoio per cambiarmi e vi trovai un altro mio collega che ammise essere il possessore della marijuana, specificando da subito di averla regolarmente acquistata  in un negozio in Via del Corso(quindi un prodotto legale ..n.d.r). Dopo un altro scambio di battute, avvenute sempre all’interno dello spogliatoi riguardo il  forte  odore emanato, tra me e gli altri due colleghi licenziati, me ne sono andato a casa.  

Il giorno seguente, al mio arrivo a lavoro, fui convocato nell’ufficio del negozio in cui era presente il Capo Area, il  quale mi spiegò che una collega gli aveva riferito di ciò  che era avvenuto il giorno prima, ovvero che qualcuno aveva portato della marijuana nel negozio e che io e un altro  collega ne eravamo  a conoscenza, ragion per cui avremmo dovuto denunciarlo, per l’azienda era inaccettabile  che qualcuno portasse determinate  sostanze  all’interno  del negozio. 
La richiesta di “delazione” fu però immediatamente rimandata al mittente sia da me che dall’altro ragazzo. 

Dopo un paio di giorni, una volta arrivato a lavoro, mi fu consegnata dalla store manager  una busta contenente la lettera di sospensione a tempo indeterminato sia per me che per gli altri due lavoratori in questione. 

Passati circa quindici giorni, fummo chiamati ed “interrogati” individualmente,  dovevamo scegliere tra licenziarci e una denuncia per detenzione e spaccio 
di stupefacenti, ma pure questa richiesta venne declinata da tutti e tre. 
La settimana seguente avvenne un ulteriore incontro questa volta collettivo, nell’ufficio dell’avvocato di Venchi, dove era presente anche l’AD di Venchi. Durante l’incontro, esponemmo “a muso duro” le nostre ragioni specificando il fatto la richiesta di licenziarsi per evitare un’azione penale, era inaccettabile e che non ci saremmo fermati davanti a queste pressioni. Dopo due giorni ci furono consegnate le lettere di licenziamento per aver violato il regolamento aziendale imputandoci di essere venuti meno ai principi di correttezza e buona fede, detto in altri termini era venuta meno la fiducia dell’azienda nei nostri confronti. Un licenziamento che giudico ingiusto alla luce di quanto sopra riportato, per questo ho intrapreso una causa con il sostegno sindacale (della Cub) e politico di varie realtà tra le quali il Collettivo Politico 13 Rosso.
Il processo è  iniziato da circa due mesi, per ora non c’è niente di nuovo, ma si va avanti sia per vie  legali che con la lotta sindacale. 

Sorgono spontanee alcune riflessioni 

  • Di quale danno di immagine si sta parlando? Il danno di immagine è piuttosto causato dalla campagna sindacale intrapresa contro il licenziamento, un ritorno negativo dopo i licenziamenti impugnati  con il ricorso alla Magistratura del Lavoro.
  • Le battute tra lavoratori sono avvenute lontano dai clienti, sicuramente travisate e di fatto hanno colpito dei lavoratori sindacalizzati in una azienda dove quasi nessuno sciopera stando ai dati fornitici da alcuni dipendenti.
  • Mentre il Parlamento esistono quasi 10 proposte di legge per la liberalizzazione della Canapa light, continuano gli atteggiamenti oscurantisti da parte di numerosi datori di lavoro
  • l’amministratore delegato del gruppo è tra i finanziatori di Italia Viva e di Matteo Renzi (https://www.lettera43.it/daniele-ferrero-renzi-venchi/), tra i finanziatori dell’ex presidente del Consiglio non mancano esponenti dell’imprenditoria già noti per non essersi fatti troppo scrupoli nel lasciare a casa lavoratori alle loro dipendenze (http://www.ilgiornale.it/news/politica/quanto-fico-fare-impresa-farinetti-lascia-casa-90-1489971.html; https://www.iltempo.it/politica/2014/08/31/news/farinetti-caccia-meta-dei-dipendenti-a-firenze-primo-sciopero-di-eataly-952492/)

La nostra solidarietà va ai lavoratori licenziati , se toccano uno per noi toccano tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *